info@associazione-michael.org   Via Giovanni a Prato, 11 - Trento

+39 0461 921864   +39 347 5608070

Pedagogia curativa  e handicap

Offriamo esempio ai genitori, mostriamo loro come guidare il figlio nell’imparare a lavarsi, vestirsi, far uso delle posate, masticare, bere dal bicchiere, acquisire il controllo sfinterico, come coinvolgerlo in un piccolo aiuto in cucina. Facciamo notare accorgimenti che possono essere fondamentali quali aiuto allo sviluppo e motiviamo i genitori a perseguire un obiettivo dopo l’altro con consequenzialità. Caratterizziamo i vari momenti del giorno con gesti, filastrocche, canzoncine: attività amate che orientano nella giornata ed infondono sicurezze. La quotidianità, fatta di tante piccole cose che vivono attorno al bambino e che si ripetono quotidianamente, diventa così la più grande e gioiosa terapia.

Apprendimento e handicap

Un anno particolarmente importante per tutti i bambini con ritardo dello sviluppo o handicap è l’ultimo anno di scuola materna.

Prima dell’ingresso nella scuola accompagniamo il genitore in un percorso di attività  propedeutiche alla didattica e all'inserimento sociale nella scuola.

Percorrere camminando la forma di ogni lettera, riprodotta in grande sul pavimento, modellarla, riconoscerla al tatto, scriverla nel quaderno, rileggerla, ascoltare e poi disegnare il racconto ad essa collegato… sono tutte attività, che motivano e gratificano genitore e figlio. Nutrono l’interiorità del bambino e lo fanno crescere. Si tratta di un percorso lento, accurato, che conferisce vita agli astratti segni della scrittura, li rende simpatici, imitabili e memorizzabili. Un lavoro che i genitori ripropongono a casa per soli pochi minuti al giorno, ma che abitua il bambino all’ascolto, a tempi di attenzione, a giuste ed equilibrate richieste che alimentano in lui la gioia dell’esercitare e dell’imparare.

Pedagogia curativa ambientale


Associazione Michael per la pedagogia terapeutica O.N.L.U.S.
P. IVA: 01604060226 - C.F.: 96048050221 - Cookie policy